Storie di territorio

Pescatori di emozioni

“Pescatori di emozioni”, Gennaro Esposito li definisce così perché il mare gli ha sempre regalato suggestioni particolari.Del resto, Vico Equense – ed in particolare la frazione di Seiano – nasce appunto come un borgo di pescatori e questa connotazione non l’ha mai persa. Il legame tra chi va per mare e chi aspetta a riva è di fiduciosa attesa.

 

Attesa perché appunto c’è la speranza di un ritorno festoso, anzi pescoso, e fiducia che il “raccolto” sia buono.
Sono questi gli elementi base del rapporto che Gennaro ha con chi si rivolge a lui per fornirgli quelle materie prime da levigare, da valorizzare.
Il vero “produttore” però resta sempre il mare perché ogni giorno, anzi ogni notte, sa essere diverso.

 

Lo chef può sapere cosa è necessario per le sue creazioni e anche dove prendere ciò di cui necessita, ma sa nel contempo che il mare può riservargli sorprese inaspettate che lui dovrà assecondare. Forse per questo Gennaro ha del mare un profondo rispetto e forse per questo finisce spesso per sorprendere lui i pescatori nel senso che ama divertirsi con quello che viene definito il pesce “povero” – vedi ad esempio il sugarello bianco – e declinarlo in maniera inedita.

Le emozioni infatti nascono dal mare ma finiscono nei piatti.