Storie di territorio

Disarmante questo Armatore

Disarmante questo Armatore. Disarmante per la qualità della sua colatura, stando al parere di Gennaro Esposito, ma anche per i risultati che il marchio ha conseguito in pochissimo tempo e per la lunghissima storia di famiglia che lo contraddistingue.

I Della Monica sono e restano pescatori, lo è stato per un periodo pure Luigi, pronipote del patriarca Raffaele, che ha meno di trent’anni e gli occhi che brillano quando parla del loro prodotto. Già, “loro” perché appunto di tutti: del bisnonno, di nonno Luigi, dei figli di quest’ultimo – con Enzo e Pasquale in prima fila – e dei tanti nipoti che oggi lavorano a Cetara.

 

 

Tonno rosso e alici sono ragioni di vita prima che di business. Bisogna amare e rispettare il mare, poi metterlo a tavola o magari venderne i prodotti (il 90% del pescato di tonno rosso finisce in Giappone). Da Armatore tutti amano e rispettano profondamente il golfo di Salerno, dove i pescatori tra marzo e maggio fanno da sempre incetta di alici per la colatura. Un prodotto sempre diverso – non stabile, come dice chef Esposito – ma sul quale Armatore ha fatto approfonditi studi in collaborazione con l’Università di Agraria scoprendo come ad esempio il sapore delle alici cambi a seconda del periodo in cui vengono pescate e quello della colatura in base al modo nel quale le alici vengono conservate.

Armatore è tradizione ed innovazione che si fondono, così ha deciso di lasciare che l’intero processo avvenisse a mano, come un tempo. Chi le pesca lascia immediatamente le alici a chi le sviscera – per la precisione dodici signore di Cetara – e poi… bisogna solo aspettare. Armatore ha scelto di dare tanto tempo alla sua colatura (due anni per la precisione) per riposare e di farla “affinare” in barrique. Così nasce la colatura di Armatore, una “riserva” (da circa 45 kg di alici appena 7-8 litri di colatura) che Gennaro ha assaggiato un pomeriggio alla Torre del Saracino e selezionato all’istante per le sue creazioni.

Un prodotto unico e accattivante, un packaging nuovo ma funzionale (vetro o ceramica – a mano – per conservare al meglio il sapore della colatura). Armatore ha scelto di essere e di apparire. È disarmante anche per questo.

 

 

Armatore Cetara
Via Campinola 1, 84010 Cetara (SA)
Tel 081 960394
info@armatorecetara.it
www.armatorecetara.it